Il Tuareg in Harley: Destinazione la strada del prosecco

www.instagram.com/p/CTwXWPAKFnB/

Vieni qua che ti faccio vedere dov’è il nostro pezzo di mondo… vieni qua c’è un bicchiere di vigna… con le parole di Luciano Ligabue, in questa seconda domenica di settembre, ancora estiva, intraprendo un mini viaggio, poco meno di 200 km, percorrendo la “strada del prosecco ed i vini dei colli di Conegliano e Valdobbiadene”, in provincia di Treviso.

La mia prima tappa è stata quella di fermarmi a Ponte della Priula, una frazione del comune di Susegana, osservando il fiume Piave passare sotto due ponti, poco distanti fra loro, uno ferroviario ed uno stradale. Una zona dalle origini antichissime, distrutto e ricostruito più volte, in particolar modo per i gravi danni subiti durante la Grande Guerra. Risalgo in moto e costeggio l’antico e complesso castello di San Salvatore.

Da lì è possibile ammirare un pittoresco panorama trevigiano trasformato per l’occasione in un quadro dalle dolci colline del Prosecco. Il mio percorso prosegue per la Strada del Vino, dove borghi suggestivi regalano panorami mozzafiato. Solighetto con la settecentesca Villa Brandolini. L’Abbazia cistercense Santa Maria di Follina o l’immenso Castelbrando di Cison di Valmarino (uno dei più belli Borghi d’Italia riconosciuto dal Touring Club Italiano dove, dal 2019, gli è stata conferita la Bandiera Arancione per il turismo ambientale), prima di arrivare a Valdobbiadene, la culla del Prosecco.

Tra i vigneti di settembre, pronti per la raccolta, arrivo all’affascinante santuario di San Floriano (1424), situato proprio sulla cima dell’omonimo colle e dove è possibile ammirare il panorama della vallata di Valdobbiadene, che domina tutto il suo centro storico. A quel punto non posso fare a meno che continuare la mia strada e salire fin su la cima del Monte Cesen (già tentato prima ma bloccato dai carabinieri causa strada ghiacciata nel novembre 2020), con la voglia di raggiungere, questa volta, l’omonimo osservatorio metereologico – 1530 m slm.

Arrivo all’altura del Cesen dopo 15 tornanti non difficili, ma allo stesso tempo suggestivi grazie all’emozionante alternarsi di zone boschive, prati e pascoli. Mi fermo in un alpeggio in malga dove mi viene regalata una vista unica, grazie anche alla giornata piena di sole.

Riparto per una seconda meta alquanto suggestiva – Passo San Boldo – superando il paesaggio caratterizzato da colline appuntite e punteggiate dalle antiche “casere”, piccole costruzioni di una volta, utilizzate ancora oggi come deposito per attrezzi agricoli. Seguo la Strada del Passo di Boldo dal versante trevigiano. Affronto 6 chilometri di strada con 18 tornanti di discreta difficoltà (con pendenza media totale dei tornanti del 7,5%), raggiungendo le “ardite” 5 gallerie elicoidali, al 5° tornante. Da qui nasce il soprannome “strada dei 100 giorni” per via della costruzione veloce avvenuta durante la Prima Guerra Mondiale, dai genieri imperiali austriaci, per facilitare il passaggio austriaco fino a Conegliano.

Per gli escursionisti il passo del Boldo è anche il punto di partenza per il bivacco dei Loff, seguendo un lungo sentiero panoramico ed ammirando la Valmareno e le Dolomiti Bellunesi, per poi arrivare al borgo di Cison. Un’altra importante curiosità, di passo San Boldo, è quella di averlo visto protagonista, per ben due volte, del Giro d’Italia; nel 1966 durante la 21ª tappa – da Belluno a Vittorio Veneto – e nel 2019 alla 19ª tappa – da Treviso a San Martino di Castrozza. Un bellissimo posto da visitare e per chi come me, amante delle due ruote, una nuova meta da raggiungere…

leggi il mio articolo completo su #trevisotoday https://www.trevisotoday.it/social/segnalazioni/tuareg-harley-strada-prosecco-2021.html#image-9 #benphotostorie #iltuareginharley #ontheroad #lamiafede #mialma #samudynamiteweaver #harleydavidson #photoreporter #adventurejournalist #scattalapassione #reportage #livingroads #documentaryphotography #zainoinspalla #linvingroads #mototours #tucanourbano #inmotoallinfinito #buonastrada #hdtreviso #hogsnaps #saliaborgo #borghiitalia #turistipercaso #harleyitalia #harleydavidsondyna #hogemea #montecesen

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...